Archivio della categoria: Voci dal Forum

aula

Biblioteca Provinciale. Qualcosa si muove. Risponde la CGIL

Vi ricordate il nostro articolo “Studiamo insieme? Ok, dove? Gli spazi della cultura a Matera.”?Quello in cui abbiamo avanzato la proposta delle aule studio e abbiamo criticato la gestione degli orari della Biblioteca Provinciale di Matera.

In particolare abbiamo scritto:

Nelle città universitarie italiane ci sono luoghi simili in scuole e facoltà, ci sono i centri culturali e tantissime aule studio pubbliche. A Matera c’è la Biblioteca Provinciale. Un luogo molto bello, sicuramente. Il Palazzo dell’Annunziata che lo ospita è in pieno centro storico, con le finestre che si affacciano sulla piazza Vittorio Veneto. Organizzata in diverse aree: due piani con soppalchi che aumentano lo spazio disponibile, con sale riservate, esposizioni e mostre allestite e con la possibilità di consultare oltre 130.000 volumi, di prenderli in prestito ecc… Ma siamo sicuri che sia un luogo a misura di studente? E che a Matera sia sufficiente la Biblioteca per soddisfare la domanda di spazi dedicati agli studenti e alla cultura? Gli orari di apertura della Biblioteca Provinciale sono questi: lunedì-giovedì 8.30-18.30, venerdì-sabato 8.30-13.30. (Qualcuno potrebbe dire: “Fatti apposta per chi decide di fare filone a scuola”). Qualche anno fa abbiamo raccolto parecchie firme tra noi ragazzi per chiedere che questi fossero rivisti: per consentire una piena fruizione del servizio offerto dalla Provincia di Matera. Ci hanno risposto che i contratti di lavoro dei dipendenti della Biblioteca impediscono una revisione degli orari di apertura, bisogna mettere in mezzo sindacati ecc… Eravamo indecisi se scrivere anche ai sindacati a quel punto, ma capimmo che non era nostro compito lottare anche contro chi avrebbe dovuto lottare per noi. E quindi le cose restarono così. Ferme e a misura di… dipendente della Biblioteca Provinciale.

Leggi l’articolo completo qui.

La CGIL di Matera, in una nota congiunta di Manuela Taratufolo e Vito Maragno, l’ha letto e ci risponde con questo comunicato stampa.  Continua a leggere

aula

Studiamo insieme? Ok, dove? Gli spazi della cultura a Matera.

di Giuseppe Cicchetti – (raccogliendo le opinioni sul forum di profumodisvolta.it)

Se hai terminato le scuole superiori a Matera e decidi di continuare gli studi all’università, magari partendo per chissà quale città italiana – cosa alquanto probabile, viste le grandi migrazioni studentesche materane (che non ho ancora capito se si dirigono verso università di qualità, oppure vogliono semplicemente allontanarsi il più possibile dall’UniBas) – in poco tempo riesci a capire cosa manca a Matera per essere una città a misura di studente.

  1. Aule studio

Lo studio di solito non è considerato un piacere, soprattutto quando non stimola la giovane mente che si sente costretta a aprire un libro o un quaderno. A volte, però, può diventarlo. E basta poco, magari un gruppo di compagni di studio e un luogo pubblico dove trovare un’atmosfera serena e altre persone che sono nella tua stessa situazione.

Nelle città universitarie italiane ci sono luoghi simili in scuole e facoltà, ci sono i centri culturali e tantissime aule studio pubbliche. A Matera c’è la Biblioteca Provinciale. Un luogo molto bello, sicuramente. Il Palazzo dell’Annunziata che lo ospita è in pieno centro storico, con le finestre che si affacciano sulla piazza Vittorio Veneto. Organizzata in diverse aree: due piani con soppalchi che aumentano lo spazio disponibile, con sale riservate, esposizioni e mostre allestite e con la possibilità di consultare oltre 130.000 volumi, di prenderli in prestito ecc…
Ma siamo sicuri che sia un luogo a misura di studente? E che a Matera sia sufficiente la Biblioteca per soddisfare la domanda di spazi dedicati agli studenti e alla cultura?
Gli orari di apertura della Biblioteca Provinciale sono questi: lunedì-giovedì 8.30-18.30, venerdì-sabato 8.30-13.30. (Qualcuno potrebbe dire: “Fatti apposta per chi decide di fare filone a scuola”).
Qualche anno fa Continua a leggere

camp1

I parchi materani: una questione di civiltà

di Roberto Colucci – (raccogliendo le opinioni sul forum di profumodisvolta.it)

Quella dei parchi e delle aree verdi è una questione dal peso specifico rilevante nella città di Matera. Negli ultimi anni le amministrazioni comunali hanno impiegato notevoli risorse economiche la creazione e la ristrutturazione di questi spazi, segno di una cultura del tempo libero e della pratica sportiva sicuramente apprezzabile.

Tuttavia, le risposte giunte dalla cittadinanza sono state probabilmente dissonanti e deludenti rispetto a quelli che erano i nobili intenti di chi volle e poi realizzò questi parchi. Molto spesso, infatti, questi sono stati abbandonati alle “cure popolari”, che si sono manifestate attraverso alti esempi di menefreghismo, vandalismo e inciviltà dei predoni della Città dei Sassi. Guardiamo il parco “Quattro Evangelisti”, sito nei pressi della Zona Paip, esattamente alle spalle delle abitazioni di Via Taranto. Un parco enorme, bellissimo, dotato di un po’ di verde e di tantissime giostrine per bambini, attrezzature per fare attività fisica, una pista da jogging che si estende attorno al parco stesso, un tavolo da ping pong ed un campo da calcio a cinque. Proprio quest’ultimo, però, può essere considerato l’emblema della situazione di incuria generale vigente nell’area: le porte da calcio, infatti, sono state rubate e le reti che circoscrivono il campo da gioco sono state strappate. Oltretutto una piccola frana ha procurato un dislivello tra le due metà del campo.

Considerando che Continua a leggere