11260899_1634861563392175_1778618201_n

Cercando il nostro futuro. Campagne elettorali e dintorni…

di Roberto Colucci

E’ Maggio e in città c’è grande fermento. Le elezioni si avvicinano e, nonostante la vita da semi-fuorisede, l’atmosfera intrisa del sapore di contesa ostile, che credo ci accompagnerà fino alla fine del mese o poco oltre, è facilmente respirabile.

In campagna elettorale è così, si diventa un po’ tutti partigiani, nel senso meno storico del termine: la cittadinanza si divide come una cellula in mitosi, progressivamente e inesorabilmente, fino ad arrivare alla contrapposizione totale di gruppi numericamente quasi inesistenti. Una contrapposizione che, purtroppo, guarda più ai cognomi scritti sulle casacche dei giocatori in campo, piuttosto che alle idee, alle proposte, alle questioni. La realtà diventa opinabile e soggettiva, le diverse prospettive diventano teoremi inconfutabili per ciascuno schieramento, l’informazione viene passata sotto filtri che la modellano a seconda della volontà di chi la diffonde. E’ un contesto frammentato e fortemente confusionario, quello di Matera2015, la Capitale della Cultura che si avvicina al periodo clou della campagna elettorale. I candidati sono più di 700 (leggasi settecento!), le idee, per la verità, un po’ scarsine, i programmi elaborati in fretta e furia, senza un’analisi delle condizioni economiche, finanziarie e sociali, con tanti che dicono di voler costruire castelli, senza considerare la necessità di cemento, manodopera e principesse che progetti di tale portata presuppongono.

Eppure di problemi da risolvere ce ne sono a bizzeffe, di questioni da discutere nei mesi antecedenti le elezioni ce ne sarebbero state abbastanza da riempire un’enciclopedia del dilemma, ma la discussione, ancora una volta, si è fermata al cognome di uno e dell’altro con (questa sì) una grande novità, la dicitura “Matera2019”. Matera 2019 parte da Matera oggi e anche un po’ da Matera ieri e, quindi, è evidente che si doveva discutere ieri di ciò che vogliamo Matera diventi domani. Nei gruppi che si sono poi trasformati in liste elettorali non lo si è fatto, o lo si è fatto in parte (sicuramente in ritardo) o in maniera non propriamente inclusiva e trasparente, ma piangere sul latte versato non serve a niente e, quindi, come disse qualcuno, è meglio iniziare a confrontarsi adesso sui temi, piuttosto che disperarsi o continuare a procrastinare.

Il fatto che ci siano tanti e forse troppi candidati è sicuramente indice di una tattica (probabilmente poco ortodossa, ma tristemente nota per quel che riguarda le amministrative) che vede nella maggiore quantità di pedine che si muovono una più consistente possibilità di vittoria. Io, che a scacchi non ci ho mai giocato, ma che preferisco la qualità alla quantità, apprezzo lo sforzo di coinvolgere direttamente gran parte della popolazione materana, e ci voglio vedere persino qualcosa di positivo, ma non ne sono poi tanto compiaciuto. Ad una mole enorme di persone in gioco sarebbe potuta corrispondere un’altrettanta esagerata quantità di idee da discutere, migliorare ed aggiungere ai programmi, ma adesso, probabilmente, il tempo a disposizione per renderle concrete e operative non ci sarà. Alla fine, credo che nessuno vietasse ai candidati di iniziare a parlare di progetti tempo fa e, se ciò non è stato fatto, è evidente che sia anche questo il frutto di una scelta tattica che ha ben poco a che vedere con un dibattito politico maturo.

Ad ogni modo, i cittadini materani in prima linea sono tanti, come tanti sono i cittadini materani che si impegnano per la loro città e che invece hanno deciso di restare fuori dalla contesa elettorale, quasi a voler sottolineare il fatto che non basta dire qualcosa di serio o fare qualcosa di buono per la comunità per essere meritevoli di un ruolo politico di rappresentanza. Quasi a voler sottolineare, inoltre, che non è obbligatorio candidarsi se si è impegnati quotidianamente per il miglioramento della propria realtà, perché la politica è un impegno e una vocazione e, secondo alcuni, ci si può impegnare per la propria città senza doversi per forza occupare di amministrazione comunale. Certo, lungi dal demonizzare l’impegno di chi invece, forte di un’esperienza associativa o di un impegno sociale pregresso, decide oggi di mettersi a disposizione della propria città: guai se non ci fossero queste persone!

11240426_436358149875224_1616051967_n

Tuttavia, ciò che mi lascia un po’ perplesso è, oltre a quanto già detto, il fatto che tanti sembrano pensare che l’elezione del Sindaco possa essere la panacea per tutti i mali. Il Sindaco non risolverà tutti i problemi della nostra città, non investirà per far funzionare un cineteatro, non riparerà le buche nel tempo libero, non aggiusterà i parchi pubblici che noi distruggiamo, non ripulirà le strade dalle cartacce che noi gettiamo, non ci troverà un lavoro, non riporterà a casa le migliaia di ragazzi che ogni anno abbandonano la loro terra per andare a cercare fortuna altrove e non chiamerà giovani da tutta Europa per farli venire a vivere nella pur bellissima Matera. Lo diceva già Banfield, che sulla Basilicata ha condotto uno studio sociologico serio e dettagliato: da noi si credeva che il Sindaco potesse fare tutto, risolvere tutti i problemi, dirimere ogni questione, ma non è così. Lo si poteva pensare cinquant’anni fa, quando la società contadina era pressoché l’unica anima di una Basilicata dimenticata dal resto d’Italia, quando Matera era la “vergogna d’Italia”, ma non lo si può più pensare oggi, al tempo di Matera Capitale Europea della Cultura.

Chiunque sarà il futuro Sindaco della nostra città, qualsiasi sia la sua “squadra” di governo della città, non ci sarà rivoluzione, né miracolo. Il cambiamento è un processo lento e difficile, e il Sindaco, gli Assessori, i Consiglieri tutti potranno avere un ruolo sicuramente importante nel favorire o meno questo cambiamento, nell’indirizzarlo verso un’idea di Matera piuttosto che un’altra, ma l’onere fondamentale, quello realmente decisivo, quello più pesante, continuerà a gravare sulle spalle di tutti i cittadini materani. Dopo una vittoria alle elezioni a nessuno viene regalata una bacchetta magica e nessuno viene dotato di un mantello da supereroe.

La Matera che desideriamo, una Matera dove ci siano possibilità differenti e migliori deve essere costruita giorno dopo giorno insieme alle migliaia di ragazzi che vivono fuori e che si confrontano con realtà più evolute, con le migliaia di studenti e professionisti che tornano a Matera forti di una esperienza internazionale, sfruttando le energie di chi a Matera non ci è mai stato, ma che potrà decidere di fare di Matera la propria opportunità, guardandola con occhi disinteressati, realistici, obiettivi. La Matera che vogliamo è un frutto che coltiviamo da anni, che talvolta abbiamo messo in ombra o privato del nutrimento necessario, ma che adesso, finalmente, stiamo imparando a far crescere nel modo adeguato. Ci sarà bisogno di tutto il nostro impegno affinché il frutto del nostro lavoro possa maturare, sarà necessario che generazioni diverse si prendano per mano e proteggano quel frutto che è ogni giorno un po’ più bello, più buono, ma anche più fragile e, comunque, sempre indifeso.

Non bastano cinque anni per cambiare la nostra città, ma è necessario che prestiamo attenzione ad ogni attimo, ad ogni istante di tempo che scorre per la nostra realtà, perché sarà anche la realtà nella quale molti di noi, e molti altri cittadini d’Europa, ce lo auspichiamo, vorranno veder crescere i propri bambini.

Roberto Colucci

 

 

 

 

(segui Profumo di Svolta anche su facebook)

Foto da Instagram:
Un ringraziamento a @nunzianteponte e @sassimatera

2 pensieri su “Cercando il nostro futuro. Campagne elettorali e dintorni…

  1. Pingback: Proponi Tu,cittadinanza attiva propositiva. Osservatore Lucano

  2. Maria Teresa Perna

    Vorrei che questo articolo “girasse” il più possibile perchè oltre alla indubbia qualità contenutistica e lessicale dimostra che per fortuna vivono fra noi persone che sono capaci di guardare aldilà del proprio “piccolo” mondo con progettualità, speranza e lungimiranza. Con passione vera e non di parte!

    Replica

Cosa ne pensi tu?