Archivio tag: Sud Italia

11098256_716886808422018_910144907_n

Da Matera bisogna partire

di Giuseppe Cicchetti

Da qualche mese ormai, Matera non è più quella di una volta.
Forse in città è cambiato poco. Certo, si respira un’aria migliore e tra i tanti pensieri quotidiani basta poco per essere contagiati da quel denso e travolgente entusiasmo che anima tutti coloro che hanno vissuto e vivono ogni giorno il sogno di Matera 2019, che hanno immaginato e compreso quale potesse essere il proprio contributo nel progetto collettivo, ancora tutto da costruire. Ma fuori, in particolare lontano dalla Basilicata e dal Meridione, Matera non è più quella sconosciuta città di un’altrettanto sconosciuta regione, di un triste e irrecuperabile Sud.

I materani che vivono lontano da casa, da qualche mese sorridono guardando sul telefono i messaggi degli amici più cari che dicono di aver visto Matera in TV, di aver riconosciuto la Capitale Europea della Cultura 2019 sul giornale o alla radio, tra le foto di Facebook e Instagram di cantanti e attori famosi. Loro poi si prenotano per venirti a trovare a Matera, e nel frattempo tanti turisti e viaggiatori in Italia e in Europa programmano le proprie vacanze in una terra lontana, tanto difficile da raggiungere. E mentre il mondo scopre la bellezza di una città abitata da millenni, tra gli esperti e gli appassionati di innovazione sociale aumenta la curiosità nei confronti di una comunità che con un progetto ambizioso (raccontato principalmente dal dossier #OpenFuture, sempre disponibile a questo link) vuole provare a sperimentare nuovi modelli di vita, di accesso alla cultura, di rapporto con i turisti cittadini temporanei, di politica e di sviluppo di un territorio.

E così si fanno avanti nuovi paradigmi tutti da immaginare, e tanti vecchi scetticismi non fanno fatica a riemergere. Da una parte si percepisce l’entusiasmo sincero di chi vorrebbe trovare in tutto questo la possibilità di mettere a disposizione le proprie competenze e la propria passione per un progetto collettivo; e dall’altra si riconosce facilmente l’egoismo di chi è pronto a investire, mettere su un Bed&Breakfast o un albergo di lusso, e sfruttare tutto questo per soddisfare un proprio interesse personale.

Tra queste e tante altre reazioni più o meno istintive, non è passato di moda un vecchio luogo comune. Prima dello scorso ottobre ci si lamentava perché troppi ragazzi erano costretti a partire da Matera e andare a studiare o a cercare lavoro lontano dalla Basilicata. Oggi ci si auspica che con l’appuntamento del 2019 non sia più così, che si possa evitare di partire, di emigrare, di fare questo sacrificio andando via da casa. Forse dovremmo riflettere un attimo in più su questo, pensarci un po’ su. Considerarlo un piccolo dilemma da affrontare – in quanto cittadini materani – a qualsiasi età, in particolare negli ultimi anni di scuola superiore, quando ci si prepara a quel gesto per noi percepito inizialmente come estremo e pesante, quasi una condanna da scontare.

Forse dalla Città dei Sassi bisogna andarsene. Da Matera bisogna continuare (o magari cominciare) a partire. Non deve mancare il coraggio di fare le valige e di cercare lontano dalla nostra città quello che ci manca. E questo è un atto di amore, non un insulto, né un’offesa.

“Dobbiamo andare via se ne abbiamo la possibilità e considerare questo un regalo che facciamo a noi stessi, oltre che un piccolo sacrificio. Perché lontani da casa dobbiamo incontrare il mondo, studiare qualcosa di diverso, vivere da soli, imparare nuove lingue, conoscere nuove persone, innamorarci di nuovi posti, sentire la mancanza di casa e capire veramente se dovrà essere qui il nostro futuro e così tornare magari un giorno molto migliori, più entusiasti e motivati di quando siamo partiti. Sicuramente meno frustrati: perché anche da lontano sapremo di poter contribuire alla crescita della nostra terra, se veramente lo vorremo.” ( da Le 10 cose che mi ha insegnato Matera 2019)

Certo, se ne abbiamo le possibilità, se non sono vincoli di natura economica, o ancor più delicati, a impedircelo. E per quanto possono, la politica e la società devono impegnarsi a rimuovere questi ostacoli – nel pieno spirito dell’articolo 3 della Costituzione.

Ma bisogna partire, perché lontano da Matera c’è qualcosa che nella nostra Basilicata non c’è. Qualcosa di bello e di utile, che sta a noi riconoscere e portare a casa con fiducia e orgoglio. C’è anche qualcosa di brutto, da comprendere e da scongiurare, da tenere il più lontano possibile dalla nostra città. Esempi? La vivacità culturale e l’accoglienza riservata allo straniero che hanno reso internazionali tante città universitarie, da cui Matera e i materani potrebbero imparare. Oppure il turismo esagerato e asfissiante di cui vive (o forse muore, direbbe Salvatore Settis) una città come Venezia, da cui Matera dovrebbe altrettanto imparare.

Da Matera bisogna partire, anche perché il concetto di distanza è cambiato. Non è un caso che dentro #OpenFuture (nel dossier, nel significato di tanti progetti già avviati) si riconosca il valore di quell’infrastruttura immateriale che è Internet, degli alfabeti digitali come nuove forme di comunicazione e di approccio al nostro presente, del coding (programmazione informatica) come importante competenza (non soltanto) tecnica al nostro servizio, da imparare magari da piccoli come si fa nei CoderDojo lucani. La rete ci ha già cambiato la vita e oggi ci permette di sentirci vicini a chiunque, di costruire, di lavorare, di formarci, di conoscere, di approfondire. di contribuire, di collaborare, di partecipare. Certo, comunque non è come esserci di persona (ma ci sono sempre Ryanair e i treni prenotati con sufficiente anticipo).

11098696_1548320388766799_35290993_n

Da Matera bisogna partire, perché il nostro presente non è più quello dei nostri nonni a cui capitava di allontanarsi da casa soltanto per il viaggio di nozze, il servizio militare, le vacanze o per guadagnare qualcosa in più in Germania da spedire a casa; non è più quello dei nostri genitori ai quali prendere un aereo costava centinaia di migliaia di lire e il telefono era soltanto fisso. Da Matera bisogna partire, perché chi va a studiare all’estero non è necessariamente un “cervello in fuga”, ma forse qualcuno che vuole cogliere le opportunità che il mondo di oggi gli offre; perché chi sceglie di lavorare all’estero non sta emigrando, bensì cerca il suo posto nella società in un’altra regione dell’Europa (o del mondo). Forse la sfida è quella di diventare noi Matera, quel posto nel mondo in cui qualcuno, studenti o chiunque, potrebbe trovare (o ritrovare, per scelta e non per costrizione) se stesso, la sua vita, il suo futuro.

A Matera bisogna arrivarci da altrove per studiare, lavorare, imparare, sperimentare, vivere a un’altra velocità, pensare. Magari fare tutto questo nello stesso modo in cui lo si fa normalmente in altre parti del mondo. Oppure in un modo completamente nuovo e originale.

Se Matera 2019 servirà per non far partire e far restare a Matera tutti coloro che dai 19 anni (a volte anche prima o più tardi) decidono di andare via, forse avremo perso. Se Matera 2019 servirà a far tornare coloro che vorranno farlo dopo essere partiti, se servirà a far arrivare in città ragazzi giovani che potranno contribuire con le loro idee, la loro esperienza e la loro diversità allo sviluppo della città (insieme a chi, per un motivo o per un altro non se ne sarà mai andato o sarà tornato), allora forse avremo vinto.
Una cosa è certa: tutto dipende da noi.

Giuseppe Cicchetti

(segui Profumo di Svolta anche su facebook)

Foto da Instagram:
Un ringraziamento a @aurelienzaccardi e @valentinofialdini